Amazon Stem – giocattoli didattici per bambini

Oggi ho scoperto l’esistenza di una categoria di vendita di Amazon dedicata ai giocattoli didattici che non conoscevo : Amazon Stem.

in Amazon Stem troviamo giocattoli didattici che sviluppano le capacità cognitive dei bambini, e sono divise ovviamente per fascia di età.

Stem, infatti, sta per Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica (traducendo dall’inglese, ovviamente).

amazon stem giocattoli didattici

In Inglese STEM è l’acronimo di Scienza (Science), Tecnologia (Technology), Ingegneria (Engineering) e Matematica (Mathematics).
I giocattoli STEM avvicinano i bambini a queste materie grazie alla loro applicazione al mondo reale. Questi prodotti aiutano i bambini a sviluppare le proprie abilità, oltre che a rendere l’educazione un momento creativo e coinvolgente. I giocattoli STEM rappesentano la perfetta unione tra l’apprendimento e il divertimento.

I giocattoli sono divisi fino a 5 anni, dai 5 agli 11, e dagli 11 in poi, e raccolgono i grandi classici del gioco istruttivo come i lego o il meccano, ma anche i giocattoli magnetici, elettronici, e tutto quello che va dietro alle novità del momento.

Per i più piccini abbiamo ad esempio la casetta con le fessure nelle quali inserire le formine, poi passiamo alle costruzioni, e al piccolo chimico. I giochi, seguendo anche il metodo Montessori, sono alla base dell’indipendenza e sulla libertà di scelta del proprio percorso creativo. Lasciate che siano i bambini ad imparare sbagliando tramite giocattoli didattici adatti alla loro età e tenete alla larga quanto più possibile giochini elettronici, a meno che questi non costituiscano fonte di ispirazione, coinvolgimento e interattività.

 

Da Abano Terme la pizza 100% carnivora con farina di grilli

pizza con farina di grilli
pizza con farina di grilli
lo strano colore della pizza con farina di grilli

Se negli ultimi anni si fa sempre più sentire la dieta vegana, qualcuno lavora verso il fronte opposto : usare animali anche per ottenere farina. Certamente lo scopo non è aprire discussioni con i vegani, ma è quello di trovare nuovi mercati pur di vendere trovare nuove possibilità culinarie. Durante l’Expo di Milano si è messa la lente di ingrandimento sulla possibilità di alimentarsi tramite insetti, in quanto, in un ipotetico mondo futuristico con una popolazione di diversi miliardi di persone, le attuali tecniche di produzione di cibo potrebbero non essere più sufficienti, e l’allevamento di insetti potrebbe essere una via da prendere in considerazione. ad Abano hanno voluto tentare questa strada, preparando una pizza con la farina di grilli. La farina di grilli, come quella di cavallete, spiega il signore qui in foto, Riccardo Broch, titolare di una scuola per pizzaioli, è buona, costa poco (ma nella teoria, se la produzione fosse avviata) ed è di qualità, solo che in Italia attualmente non è disponibile. E’ possibile acquistarla online ad un prezzo altissimo ( tornando al discorso che pur di vendere … ) e con 28 euro per 200 grammi sono riusciti a fare un paio di pizze la cui pasta ha un che di … spinaci.

In tutta sincerità, la trovo semplicemente una trovata commerciale. La pizza è uno dei piatti che si sposa benissimo con l’idea vegana, quindi non vedo il motivo di andare in cerca di una strada più complicata e costosa per trovare un compromesso senza alcun vantaggio.

Combattere il riscaldamento globale con i piedi delle fidanzate

Il riscaldamento globale è un fenomeno per cui la temperatura della Terra sta aumentando anno dopo anno di qualche decimo di grado. Un problema davvero importante, perchè anno dopo anno raggiungeremo una temperatura media che ci metterà in difficoltà, fino ad una ipotetica estinzione.

Così racconta il professor Hotter, dell’università di Sunny, in California. Non è sicuramente una novità, di questo si parla da anni ma all’economia e all’industrializzazione questo non interessa, l’importante è produrre, costruire, vendere. Ma allora, come combattere il riscaldamento globale? Fortunatamente gli venne un’idea brillante dopo aver studiato un fenomeno che va contro ogni legge della fisica del nostro universo:

I piedi delle fidanzate sono sempre gelidi, indipendentemente dalla quantità di calore risucchiato dai fidanzati. Questo squilibrio energetico non è spiegabile ne è sensato, ma è così. Dopo essermene reso conto ho avuto l’intuizione!

Spiega, il professore,

Organizzeremo un evento mondiale, in cui tutte le fidanzate di tutti i popoli poggeranno i piedi a terra contemporaneamente. Questo assorbirà 12,5 Tera Joule di calore dai sei quadrimilioni di kg di massa del nostro pianeta, sufficienti per abbassarne la temperatura di almeno 0.2 gradi centigradi. Se l’esperimento avrà successo, lo ripeteremo ciclicamente anche immergendo i piedi delle fidanzate negli oceani, fino a normalizzare la temperatura del nostro pianeta. Possiamo ancora farcela.

E noi ci auguriamo che l’esperimento avrà successo, così da combattere il riscaldamento globale con i piedi delle fidanzate !

p.s.

Ovviamente, questo articolo, è uno scherzo! è dedicato ai milioni di fidanzati e mariti che quotidianamente si fanno congelare dai piedi di fidanzate e mogli, senza riuscire mai a scaldarglieli 🙂

ebook iva al 4% : l’Italia affronta l’Europa

ebook iva al 4% : l’Italia affronta l’Europa

Il governo si è fortemente imposto di riuscire a portare l’iva degli ebook al 4% come nei libri cartacei al posto dell’attuale 22% , seguendo Francia e Lussemburgo, verso i quali l’Europa ha già puntato il dito.

ebook iva 4

Secondo l’attuale governo, un libro è un libro e non importa quale sia il supporto, cartaceo o elettronico. Sicuramente un grande segno di civiltà offerto da un governo giovane, innovativo e moderno (prego partire con la polemica).

Non mancano, per l’appunto, le polemiche, sia da parte degli editori, sia da parte di chi (e su questo mi unisco anche io) pensa già che meno iva non implichi un costo più basso degli ebook, ma un costo paritetico e un guadagno più alto da parte del rivenditore.

Digitalizzazione implica anche rispetto per la natura, con meno carta da produrre e meno trasporti da realizzare. Digitalizzazione significa anche maggiore condivisione delle informazioni, abbattimento dei tempi, e non solo, maggiore qualità dell’informazione, con libri che possono venire aggiornati in tempo reale.

Ricordo ancora ora i miei libri di elettronica, sempre con gli stessi errori, cambiando solo il colore della copertina, per incentivare le famiglie ad acquistarle nuovamente invece di cederli come usati.

Vedremo in quale inghippo burocratico andremo ora ad affossarci ma vi propongo il lettore di ebook principe, l’amazon Kindle Paperwhite, schermo da 6″ ad alta risoluzione (212 ppi) con luce integrata di nuova generazione, Wi-Fi

che permette di portarsi dietro migliaia di libri in tutta comodità.

Renzi e la rivoluzione digitale : informatica, inglese, internet. 7 miliardi in campo.

Renzi e la rivoluzione digitale : informatica, inglese, internet. 7 miliardi in campo.

Il Premier Renzi mette in campo anche 7 miliardi di investimenti, oltre ad una riforma della scuola che prevede inglese e informatica a partire da subito, fin da piccini, per rilanciare lo sviluppo del paese. è la rivoluzione digitale.

La manovra è mista privato-pubblico, dove il privato tende a coprire solo le zone dove è economicamente vantaggioso farlo, mentre il pubblico investe per ridurre il digital divide (dopo tutto, è semplice investire con i soldi degli altri…).

Il piano prevede di potenziare anche le reti mobili installandoci sopra, oltre ai ripetitori 4G, anche connessioni WIFI, ampliando comunque le connessioni con fibre ottiche.

rivoluzione digitale

I critici nei confronti delle onde elettromagnetiche avranno subito qualcosa da ridire, ma tra l’inquinamento di una email inviata all’inps e i 30 km che dovrei fare in auto per portargliela direttamente preferisco sicuramente il nullawatt di energia emessa per il trasferimento.

Le speranze sono quelle di portare una velocità di connessione minima di 30 megabit entro il 2020 al 100% della popolazione e 50 megabit al 50%.

Spero che questo blog esisterà ancora nel 2020 per tornare a valutare (non so perchè, ma dubito si otterranno questi risultati in 5 anni).

 

al sud e nel pubblico ci si ammala di più

al sud e nel pubblico ci si ammala di più

Una ricerca della Cgia fa emergere un dato curioso … al sud e nel lavoro pubblico ci si ammala di più.

Sarà un caso?

Dati alla mano, risulta che la regione d’italia dove si fanno più assenze per malattia durante il lavoro è la Calabria, con 34 giorni in media all’anno, seguita da 20 per la Sicilia e 19 per la Campania.

Grazie alla nebbia, agli sbalzi di temperature, all’afa e alla pioggia…

gli abitanti del Trentino Alto Adige, Veneto ed Emilia Romagna sono invece quelli che si ammalano meno (15 giorni in media)

Eh, è un caso.

Inoltre, anche nel settore pubblico ci si tende ad ammalare di più, tuttavia rispetto al privato vengono richiesti meno giorni. Guarda caso …

 

 

Anteprima Windows 10

Anteprima Windows 10

Ieri è uscita l’anteprima di Windows 10 e ci abbiamo dato subito un’occhiata.

Se vi state chiedendo dov’è finito Windows 9, state ponendovi la domanda giusta, ma la risposta ufficiale sembra non esserci. Esiste una risposta non ufficiale su cui torneremo dopo, ma intanto vediamo che novità ci attendono col nuovo sistema operativo Microsoft nel 2015.

Vantaggi di Windows 7 + Vantaggi di Windows 8.1 = Windows 10

La prima impressione è questa. Microsoft ha coniugato finalmente i vantaggi dei due sistemi operativi lasciandosi alle spalle le scomodità, ottenendo quindi un sistema che sia contemporaneamente facile, bello, veloce, elegante e comodo. Sembra proprio faremo un bel passo in avanti.

Innanzitutto viene reintegrato il tasto start ed eliminata l’interfaccia Metro, che si fondono assieme. Adesso possiamo avere le grandi e comode piastrelle senza i passaggi introdotti da quell’interfaccia “alla tablet” che occupava sempre tutto lo schermo, così fastidiosa in Windows 8.

windows 10 start button
Successivamente, rispetto a Windows 8.1, le app dello store non vanno più “a schermo intero” rendendo di fatto impossibile effettuare qualsiasi altra operazione, ma diventano normali app “in finestre” com’è giusto che sia e come è sempre stato. Questo di conseguenza unisce la comodità delle app dello store alla possibilità di usarle, che prima era davvero troppo limitante. Nella schermata qui sotto vediamo l’app “people” ridimensionabile come qualsiasi altra applicazione.

windows 10 everything in a window

Inoltre, in questa release, Microsoft permette il contatto diretto da parte di chi ha qualcosa da segnalare o da suggerire, tramite l’apposita app “Windows Feedback“.

Viene inoltre introdotto il supporto al multi desktop, presente da moltissimi anni su altri sistemi operativi, che permette, in sostanza, di avere varie copie del desktop permettendo di gestire con maggiore ordine attività di tipo diverso, come se ci fossero diversi monitor attaccati.

windows 10 multidesktop

Per quanto riguarda l’installazione, sembra identica a quella di Windows 8 ed il consumo di risorse sembra basso. Il task manager è potente, semplice e completo, come lo era sempre stato, segno che Microsoft non ha toccato quello che già funzionava, ma ha corretto quello che non funzionava ( non è una cosa così scontata ).

windows 10 task manager

 

 

Windows 10 preview è predisposta per un rilascio massivo di aggiornamenti, un pò come fa Apple con il suo sistema operativo, tramite l’apposito menu.

windows 10 preview upgrade

 

Vediamo che novità verranno introdotte nelle prossime versioni fino al rilascio ufficiale, l’anno prossimo.

In merito al fatto che non si chiami Windows 9 sembra, si dice in internet, dipenda semplicemente dal fatto che molte righe di codice scritte per determinare la presenza di Windows 98 fosse “Se il sistema operativo inizia con 9…” … e per evitare cataclismi si è saltati avanti di una versione.

A questo punto potevano chiamarlo Windows 2015 :).

 

pistola elettrica taser in valutazione per le forze dell’ordine

pistola elettrica taser in valutazione per le forze dell’ordine

Il ministero della salute sta valutando per il ministero della difesa la possibilità di adottare la famosa pistola elettrica taser come arma non letale a disposizione delle forze dell’ordine. Se ne sta parlando proprio in questi giorni.

Questo tipo di arma produce una scarica elettrica in grado di stordire per alcuni secondi il bersaglio, permettendo alle forze dell’ordine di procedere con l’arresto. Probabilmente con armi di questo tipo si potranno diminuire drasticamente sia i morti durante le operazioni di sicurezza, sia le operazioni fallite a causa del fatto che le forze dell’ordine non avevano alcun modo per difendersi. in Italia, infatti, è estremamente probabile passare dalla parte del torto alla mia manovra difensiva attuata, ma, grazie al taser, questo potrebbe essere evitato.

Questo tipo di arma viene comunemente utilizzato in Francia, Inghilterra, Svizzera e Stati Uniti.

police taser

I medici cardiologi tuttavia sono spaventati dall’adozione di questo tipo di arma che, per sua natura, crea spasmi muscolari che potrebbero causare problemi al cuore ( vi avevo già detto che in Italia non ci si può difendere?) e malfunzionamenti ai pace maker, con risultati, ovviamente, a volte mortali.

Resta il fatto che probabilmente una scarica elettrica è meno letale rispetto ad un proiettile vero.

Vedremo come andrà a finire 🙂

 

project ara : le novità dello smartphone a blocchi intercambiabili

project ara : le novità dello smartphone a blocchi intercambiabili

Vi abbiamo parlato tempo fa del project ara (che nel nord italia vuol ben altro) ma che, sostanzialmente, è un progetto destinato a permettere la creazione di smartphone assemblando dei componenti prefatti su una piastra.

praticamente un lego.

In sostanza, l’utilizzatore potrà montarsi lo smartphone selezionando a piacimento display, processori, memoria e fotocamera di qualità diverse, in funzione dell’esigenza e del budget. Inoltre, la riparazione di questi smartphone sarà semplicissima, perchè sarà sufficiente sostituire il blocchetto rotto.

Google sta lavorando ad una versione modificata del prossimo Android L per permettere questo. Nel frattempo, entro il 15 novembre è possibile inviare anche delle idee nel sito di project ara per realizzare un modulo per qualcosa che attualmente uno smartphone non è in grado di fare.

Ad esempio, supponiamo che riteniate vincente il modulo “allarme acustico”, potete sottoporlo all’attenzione dell’azienda per ricevere un premio di fino a 100 000 dollari.

project ara

 

per i più interessati sarà possibile vedere dei video a questo indirizzo , ma è probabile che dall’anno prossimo ne vedremo delle belle.

pronti a tornare bambini con il vostro android lego?

Animali Supereroi – Prima puntata

Animali Supereroi – Prima puntata

In natura ci sono degli animali che sono dei veri e proprio Animali Supereroi, con super poteri che l’umanità sta ancora tentando di apprendere. In questa prima puntata di Animali Supereroi vi parleremo della Farfalla Fotonica, del Baco Telaio e della conchiglia tacca & tacca , nomi, ovviamente, di pura fantasia, da me inventati 😀

la Farfalla Fotonica

Gli scienziati si sono resi conto che questa farfalla, chiamata farfalla ingegnere, possiede, sulle ali, uno dei segreti più studiati negli ultimi anni dall’industria bellica e tessile. Si tratta, infatti, di cristalli fotonici, cristalli che sono in grado di intrappolare la luce e manipolarla generando diversi colori. I ricercatori stanno cercando di riprodurre artificialmente questo miracolo della natura per costruire tessuti mimetici, sostanzialmente invisibili.

Baco telaio

 

Tendiamo a sottovalutare quanto questo animaletto sia straordinario. Riesce da solo, infatti, a produrre filamenti di seta che possono raggiungere i 3 km di lunghezza! la seta è ancora oggi un materiale che non trova eguali surrogati tecnologici per resistenza alla deformazione, elasticità. lucentezza, leggerezza e isolamento termico. La seta è così straordinaria grazie alla presenza di due proteine, fibroina e sericina. Servono un quintale di bachi per ottenere 20 kg di seta.

Conchiglia Tacca & Tacca

 

Tacca & Tacca non è un errore di battitura, non intendevo Tacca & Stacca, come le figurine, ma proprio tacca & tacca. la Patella di mare, infatti, è un animaletto straordinario: la tensione che riesce a produrre per tenersi attaccata allo scoglio necessità di uno sforzo insignificante, e non c’è modo per noi uomini di generare un effetto del genere con così poca energia. Lei ci riesce grazie alla contrazione dei muscoli e del suo muco, che rilascia paramiosina. Questo animaletto potrebbe nel futuro permetterci di creare ventose o adesivi di potenza straordinaria