in Cina ad impollinare sono gli uomini ape

in Cina ad impollinare sono gli uomini ape

le api. Animaletti laboriosi e super organizzati, in grado di impollinare, e quindi dare vita, a 200 alberi in un giorno. Peccato siano tutte morte. in Cina, i tassi di inquinamento sono talmente elevati che, assieme all’uso incontrollato di pesticidi, non ci sono più api. L’uomo deve quindi emulare quello che la natura alla natura hanno impedito di fare: impollinare i fiori. Ecco che negli ultimi anni stanno aumentando moltissimo gli uomini ape, che a mano, con un pennellino, fiore su fiore, spennellano polline per fare iniziare il processo di fecondazione.uomo ape cina

Negli ultimi tre anni la paga degli uomini ape è raddoppiata, raggiungendo i 15 euro all’ora, tuttavia, un uomo ape riesce, lavorando 10 ore, ad impollinare 20 alberi. Uno sciame di api avrebbe impiegato un’ora ad ottenere lo stesso risultato. Ne consegue che i prezzi per gli agricoltori sono elevatissimi che, nella maggior parte dei casi, abbandona i campi, ormai completamente inutili, e li svendono.

Teniamo in considerazione che, in Cina, ma non solo, vi è la più alta densità di città con limiti di inquinamento ben al di sopra di ogni limite accettabile. Complimenti, un ottimo affare!

 

Videoconferenza Olografica

la Videoconferenza Olografica

 

Grande scoperta sotto la bandiera italiana : comunicazione olografica !

 

cioè?

 

avete presente quei film in cui si vedono delle figure che sembrano … reali …. in quanto “spessi”? lo si vede spesso in Star Wars, Star Trek o molti altri …

 

helpmeobiwankenobi

ecco : guardate il seguente filmato in youtube e rimarrete SBALORDITI!

 

un operatore simula di aver bisogno di parlare con un consulente, e seguire assieme alcune operazioni. il livello di dettaglio è IMPRESSIONANTE!

 

per la trasmissione è sufficiente una normale connettività internet e una strumentazione che i ricercatori definiscono “dai prezzi sostenibili” .

 

In effetti la proiezione olografica non è una novità , ma la novità è quella di riuscire ad utilizzarla per una videoconferenza in tempo reale!

 

vi lascio al video

 

Android Launcher Dodol : Semplice e bello

Android Launcher Dodol

 

Cambiare la grafica allo smartphone

 

Una delle cose belle di Android è la possibilità di cambiarne la grafica, il tema insomma, diciamo.

 

Ci sono molte applicazioni per cambiare il tema, ma spesso sono o troppo cariche di novità, o troppo poco.

 

Sto provando con piacere Dodol Launcher, piccolo e leggero, porta con se molti temi, veramente ben fatti e graficamente molto curati. Vi consiglio di provarlo scaricandolo dal Play Store .

 

Android Launcher Dodol

 

Vi faccio vedere il mio tema ! =)

Android Launcher Dodol

l’unica cosa, avete bisogno di android 4.0.3 o superiore, quindi diciamo che i primi smartphone android non saranno in grado di supportarlo.

 

 

Acquistare Riviste Online : Il risparmio e la comodità sono Google Edicola

Acquistare Riviste Online : Il risparmio e la comodità sono Google Edicola

 

 

Esiste da almeno un anno, ma man mano diventa sempre più bella ed utile  : Google Edicola permette di seguire gli articoli dei vostri siti preferiti (come ovviamente www.itscribe.com :P) ma, inoltre, di acquistare la versione digitale di moltissime riviste.

 

Play Edicola

Nel mio caso, ho voluto acquistare Focus : al costo di 1.99 euro contro i 3.80 euro del prezzo cartaceo, è comodo e subito disponibile.

 

Play Edicola

 

Google Play Edicola è disponibile gratuitamente sul Play Store, ed è un’applicazione validissima anche nel caso in cui si voglia semplicemente leggere qualcosa legato ai nostri argomenti preferiti.

 

da provare!=)

 

Antivirus Android : Serve? No. ci pensa Google Verify Apps

Android Verify Apps controlla costantemente come un Antivirus, che quindi non serve

 

Android si basa su Linux, ed è un vero e proprio sistema operativo. Come tutti i sistemi operativi, possono esserci persone che scrivono applicazioni dannose con vari scopi. E più un sistema è utilizzato, più è preso di mira da chi scrive applicazioni dannose, come ad esempio, i virus.

 

Su Play Store , da un paio di anni, le software house più importanti, produttrici di antivirus, hanno tentato di farsi strada anche in casa del robottino verde. Troviamo difatti AVG o AVAST, e molti altri.

 

Android Antivirus

 

Sulla loro utilità, c’è sempre stato da ridire. Android è un sistema operativo basato su Linux , e non ha mai sofferto di particolari vulnerabilità. Ciò nonostante, Google ha messo in campo una nuova difesa a nostra disposizione : Google Very Apps.

 

Questo strumento controlla automaticamente e senza la necessità di installare alcunchè sul dispositivo , le applicazioni installate, ed ha già controllato 4 miliardi di volte.

 

verificate l’area “impostazioni => Sicurezza” del vostro dispositivo : dovreste già trovare la voce “Verifica app”.

 

Per maggiori dettagli vi rimando al blog ufficiale

 

 

Heartbleed e la sicurezza informatica mondiale a rischio

Heartbleed , il bug che espone le password di Facebook (e molto altro)

 

I bug sulle connessioni criptate SSL (Quelle che fanno apparire il lucchettino al vostro browser) si erano già presentati , ma erano legati solo ai sistemi Apple. Questa volta il problema è generalizzato ed è legato a OpenSSL , un’implementazione del protocollo di codifica criptata usato su larga scala, perchè usato anche dalle macchine linux su cui girano i server web Apache e Nginix (utilizzatissimi).

 

La falla purtroppo è aperta da DUE ANNI, e se ne sono accorti solo ora dei ricercatori del Codenomicon. La falla è stata riparata velocemente e i server web di tutto il mondo stanno aggiornandosi.

 

Cosa comporta questo problema?

 

Questo problema comporta che persone esperte potrebbero essere in grado di intercettare le credenziali mentre effettuate l’autenticazione a sistemi comuni, come Facebook. Google e Gmail invece dovrebbero essere stati protetti grazie ad un sistema ausiliario chiamato Perfect Forward Secrety.

 

Heartbleed Bug

 

Nel mentre, le aziende che usano OpenSSL devono rigenerare le loro chiavi di sicurezza e chi ha utilizzato servizi a loro associati dovrebbero cambiare password.

 

Ecco una lista abbozzata dei sistemi, che in questi giorni sono già stati riparati, ma se voi non cambiate la password e questa era stata intercettata siete punto a capo!.

 

vi consigliamo quindi di cambiare le password di

 

  1. Google (non gmail)
  2. Facebook
  3. Dropbox
  4. Yahoo

 

 

 

torrent anonymously – Come scaricare in modo sicuro

Torrent anonymously Torrent anonimo e privacy, come scaricare in modo sicuro

 

Scaricare materiale protetto da copyright è illegale.

 

Detto questo, esistono sistemi per aumentare il grado di privacy durante il download dei file.

Un sistema è quello delle connessioni tramite catene di proxy che non registrino i dati di connessione, e di conseguenza, l’utente finale risulta connesso da qualcosa che non è il suo ip di rete, ma l’ultimo proxy della catena, che eventualmente è connesso ad un altro proxy, e così via.

Più proxy ci sono in mezzo, più è complicato capire chi è connesso e da dove, fermo restando che le ADSL italiane spesso non offrono un ip fisso ed univoco, ma dinamico, e di conseguenza, l’ip può permettere di identificare chi è connesso solo per un breve periodo di tempo.

 

In tutto questo c’è un problema : la banda, ovvero la velocità di trasmissione. Il trasferimento di file di grosse dimensioni, ovviamente, necessita di banda larga , e tanti utenti che hanno bisogno di tanta barga necessitano di ancora più banda. E qui casca il palco, perchè i proxy, spesso, sopratutto quelli gratuiti, non offrono banda. E il download si strozza.

 

Occorre quindi cercare un altro sistema .

 

Un altro sistema è quello dei filtri : come nell’articolo legato a peerguardian, è possibile evitare che occhi “probabilmente” indiscreti si colleghino al nostro torrent per scaricare con noi, e quindi, vedere cosa anche noi stiamo scaricando.

 

Esiste un gruppo di persone, che hanno creato un servizio , chiamato iblocklist,

 

iblocklist torrent privacy

 

in queste liste, queste persone offrono un agglomerato di indirizzi ip dai quali sarebbe molto probabile la connessione da parte di agenti governativi, polizia postale, forze dell’ordine, e insomma, tutte quelle persone a cui interessa cosa state scaricandi VOI.

 

Per utilizzarle, servono client torrent che sappiano caricare queste liste per impedire le connessioni da parte loro.

 

Se siete alla ricerca di queste informazioni, sarete abbastanza abili da capire come usarle. Potrete usare Vuze, Transmissions, utorrent o molti altri, e cercare “ipfilter” .

 

Ci sono liste a pagamento e liste gratuite, che si aggiornano una volta al mese. Ci sono liste di pubblica utilità che bloccano virus, spammers, e altre fonti nocive.

 

 

 

Guadagnare Online con i Sondaggi

Guadagnare online sondaggi

 

I Sondaggi online permettono di guadagnare qualcosa?

 

E’ quello che sto cercando di capire. Dopo aver visto una trasmissione su rete4, ho saputo che alcune famiglie sopravvivono o guadagnano qualcosa , sopratutto in periodo di crisi, grazie ai sondaggi online.

 

Ho voluto provare anche io, e ho cominciato con Alta Opinione e My Survey.

 

Il principio di funzionamento è simile per entrambi : ci si iscrive, si inseriscono più dati personali possibili e di conseguenza il sistema cerca di capire quali sondaggi possono essere interessanti per il partecipante.

 

In che senso interessante?

 

Dunque : supponiamo che voi in casa avete gatti. Supponiamo che Friskies voglia sapere se i loro consumatori (a 4 zampe) preferiscono i croccantini al salmone o al pollo. A chi lo chiede? a voi naturalmente, tramite portali come, appunto, alta opinione o my survey!

 

E sulla base di che cosa loro dovrebbero chiederlo proprio a voi?

 

ma sulla base del fatto che avete riempito di dati personali i due portali e quindi loro sanno che avete, guarda caso, proprio un gattone affamato in casa! e via dicendo per auto, smartphone, profumi, etc etc.

 

Guadagnare online

 

Guadagnare con Alta Opinione

 

Navigando verso www.altaopinione.it e registrandosi, cominciamo ad inserire più dati personali possibili.

 

Altaopinione non appena possibile vi invierà un questionario da compilare : nel mio caso, tuttavia, l’unico questionario che mi hanno inviato in questi giorni non era valido per me … (cosa me l’hanno inviato a fare allora?)

 

Alta opinione paga da 1.5 a 15 euro “virtuali” e , raggiunti i 20 euro, è possibile convertirli in buoni spesa per Amazon, Trony, Ticket restaurant etc.

 

Vedremo cosa accadrà.

 

Guadagnare con MySurvey

 

MySurvey funziona allo stesso identico modo, e anche in questo caso sono in attesa di sondaggi. Pagano allo stesso modo, con buoni che permettono di riscattare premi di varia natura.

Fateci sapere come è andata 🙂