Super Mario sta morendo

Super Mario sta morendo. Purtroppo è cosi. Nintendo sta morendo, e con lei anche Super Mario. O viceversa. Sì, perchè Nintendo sperava di salvarsi con Super Mario, ma Super Mario Kart 8 non sta andando come si sperava. Sebbene vi sia un breve aumento delle vendite nell’ultimo trimeste, Nintendo è in crisi da tanto tempo, e sta cercando nuove strade per togliersi dai guai. Una di queste strade è lo sviluppo di giochi anche su piattaforme non Nintendo, come smartphone di diverse marche, per poter recuperare, con i giochi, dove le console non vendono. Tornando a Super Mario Kart 8, sono state infatti vendute 2.820.000 copie, ma la società continua a sprofondare con una perdita con un bilancio del primo trimeste in rosso per 92 milioni di dollari (anche se, Super Mario, sta continuando a vendere anche adesso).

Nintendo cercherà di salvarsi anche con il lancio di giochi Pokemon, Bayonetta, Super Smash Bros, e secondo le previsioni della società, possono ancora farcela.

Effettivamente nell’ultimo periodo stanno aumentando le vendite di Wii U, raddoppiate, ma raddoppiate su di un numero basso, molto basso, rispetto alle console rivali.

Nintendo rischia il fallimento

Io sono convinto che anche questa volta Nintendo riuscirà a inventarsi qualcosa, quel qualcosa che, almeno per originalità, l’ha sempre tenuta un passo davanti a tutti. Se Nintendo fallisse, non sarebbe solo la principessa qui sopra a piangere le tombe di 99 Super Mario ma, conoscendo lo spirito Giapponese, non mi stupirei se qualcuno si gettasse da un ponte.

Forza Nintendo, trova un funghetto verde!

Super Mario sta morendo

Un pensiero su “Super Mario sta morendo

  • agosto 17, 2014 alle 11:08 am
    Permalink

    Consideriamo che e` la prima volta che Nintendo ha delle perdite da 20 anni, cosa rarissima se non unica, e che a mostromiliardi di coin messi via nelle famose casse pelote. Del resto dovrebbe fare dispositivi piu` multimediali invece di risparmiare sempre sull`hardware. Magari hanno mangiato un funghetto viola.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *