Come risparmiare traffico dati abilitando la compressione in Google Chrome mobile

Il traffico dati, sebbene negli ultimi anni sia sempre più vantaggioso, si sa, a volte non basta mai. Ma non per forza per avere più dati bisogna aumentare il plafond di traffico giornaliero : si può anche ridurre la quantità necessaria per lo scambio di informazioni attivando una COMPRESSIONE.

il servizio è integrato da Chrome 28 per Android e si attiva facilmente.

Update 20 febbraio 2015

Il servizio ora è presente di base in chrome mobile, e lo si attiva dai settings senza troppe complicazioni.

Ma capiamo come funziona

Trovando informazioni ufficiali qui, si capisce sia sufficiente “navigare” (nel senso di digitarlo come fosse un sito web) in chrome://flags e abilitare la voce “enable data compression proxy“.

così facendo, quando si cercherà di accedere a qualsiasi risorsa web, un servizio google si preoccuperà di comprimere la richiesta fornendoci una pagina più veloce da scaricare, e più leggera.

Secondo Google in questo modo è possibile risparmiare fino al 50% di traffico dati, ma se vogliamo anche sapere esattamente quanto, possiamo saperlo!

Ok navigo leggero, ma la velocità?

La connessione avviene tramite un nuovo protocollo ottimizzato chiamato SPDY, che permette di scaricare contemporaneamente più risorse e infilarle in un ‘unica connessione verso il nostro cellulare, che ne trarrà sicuramente un gran giovamento!

SPDY to http-https

Quanti megabyte risparmiamo?

digitiamo chrome://net-internals e cerchiamo bandwith.
 
nello screenshot qui sotto rileviamo un risparmio del 62% di dati!
 
 
Bandwidth usage
Risparmiare traffico dati con Chrome sul nostro smartphone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *