Gli smartphone un giorno saranno dotati di “nasi” elettronici per sentire odori

Sicuramente la realtà aumentata ha fatto passi da gigante in questi anni, principalmente per quanto riguarda qualità dell’immagine, e del suono. Raramente, in qualche caso, anche ricreando scossoni e vibrazioni grazie a poltrone motorizzate.

Ma parlare di profumi …. “sapora” ( 😀 ) ancora da fantascienza. Eppure ci stiamo avvicinando.

Lo smartphone potrebbe presto essere in grado di rilevare profumi e sapori?

In particolare, ci sta pensando IBM , o meglio Adamant Technologies , che tramite 2000 sensori possono produrre un naso digitale più potente del nostro, simile a quello dei cani.

Gli utilizzi sarebbero molteplici, dal controllo dell’alito cattivo al controllo del livello di zuccheri nel sangue, passando, ovviamente, per gas tossici e droghe.

Manderemo presto in pensione la squadra cinofila?

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *