Raffreddare il portatile è davvero importante non solo per garantirne la stabilità dei software che girano, ma anche per preservare la durata delle componentistiche elettroniche. Il componente che soffre di più l’alta temperatura è la batteria, che perde la sua capacità di immagazzinare energia molto velocemente alle alte temperature.

Ecco perchè trattereremo un articolo su come raffreddare il portatile.

Lasciando perdere i pc fissi che, grazie alla loro maggiore dimensione solitamente hanno meno problemi di surriscaldamento, ci sono almeno tre sistemi per raffreddare un pc portatile.

Come raffreddare il portatile usando la modalità risparmio energetico

Come sistema è poco conosciuto, ma in realtà spesso si lascia il portatile in modalità “prestazioni elevate” anche quando non ne abbiamo bisogno, imponendo al sistema operativo di impedire ad alcuna componentistica di “rallentare”. Alcuni processori, sopratutto quelli della fascia Intel I7, hanno un’avanzata capacità di cambiare la loro frequenza di funzionamento, e quindi la quantità di energia che assorbono, e quindi il calore che producono, ma molti altri componenti non sono così intelligenti e vanno quindi “aiutati”.

come raffreddare il computerAndiamo quindi in pannello di controllo, troviamo la modalità risparmio energetico e impostiamoci su risparmio energetico se non abbiamo bisogno di molta potenza, sopratutto nel caso in cui abbiate un portatile moderno e non stiate eseguendo programmi molto pesanti, o giochi.

Come raffreddare il portatile usando una base di raffreddamento

come raffreddare il portatileQuanto sopra descritto, tuttavia, chiaramente ha un ovvio problema : è proprio quando ci serve tanta potenza che il portatile scalda. In questo caso, allora, oltre all’ovvietà di tenere pulite le griglie di raffreddamento, possiamo aiutare la ventilazione con una base di appoggio con ventole. Innanzitutto è bene capire che i vecchi portatili soffiavano aria sotto, mentre negli ultimi anni i portatili aspirano aria da sotto per farla uscire da un fianco tramite un percorso appositamente studiato. Dovremo quindi prendere una base di appoggio con ventole che spinga l’aria verso l’alto. Qui ne troviamo molte, di costi molto diversi. Non ve ne posso suggerire una, perchè dipende dalla dimensione del vostro portatile, ma io mi trovo bene con questa della trust  che non costa molto ma si comporta molto bene. Diciamo che in linea di massima più grande è la ventola, meno velocemente ha bisogno di girare, quindi meno rumore fa, quindi meno fastidio da. Non è sempre detto perchè dipende molto dalla qualità della ventola stessa e dal fatto che giri su cuscinetti o su sistemi più avanzati, ma si può ottenere un buon risultato con una spesa limitata.

Come raffreddare il portatile con ventole esterne

Esistono poi delle ventoline esterne come questa che aiutano la ventola del portatile a muovere più aria, apportando un effetto benefico sulla ventilazione. Secondo me bisogna stare attenti a trovarne una che sia adatta alla forma del portatile, e comunque una base di appoggio potrebbe essere più comoda da utilizzare.

Tenere comunque sempre in considerazione che il portatile aspira aria da sotto, quindi non appoggiarlo mai sulle gambe senza un piano di appoggio rigido!!

 

 

 

Come raffreddare il portatile
Tag:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *